........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Come sospendere una cartella esattoriale #adessonews

La sospensione può essere richiesta per i seguenti tassativi motivi, da indicare nell’istanza:

  1. prescrizione o decadenza del credito, prima della formazione del ruolo;
  2. provvedimento di sgravio emesso dall’ente creditore;
  3. sospensione amministrativa (dell’ente creditore) o giudiziale;
  4. sentenza che abbia annullato in tutto o in parte la pretesa dell’ente creditore, emessa in un giudizio al quale il concessionario per la riscossione non ha preso parte;
  5. pagamento effettuato, prima della formazione del ruolo;

All’istanza devono anche essere allegati i documenti dimostrativi delle proprie ragioni (ad esempio, nell’ipotesi n. 5, la ricevuta di pagamento; nell’ipotesi n. 4, la sentenza).

Ricevuta l’istanza, l’Agente della Ricossione sospende immediatamente la riscossione ed entro 10 giorni, trasmette il tutto all’ente creditore (Comune, Agenzia delle Entrate, etc.).

L’Ente creditore, a sua volta, entro 60 giorni, comunica al contribuente (mediante raccomandata con ricevuta di ritorno o a mezzo Posta Elettronica Certificata) se la documentazione prodotta è corretta o meno, e dunque se l’istanza può essere accolta o rigettata.

Se vi sono tutti i presupposti ex lege previsti, l’Ente trasmette contestualmente all’Agente della Riscossione il provvedimento di sgravio.

Se invece l’istanza di sospensione legale non può essere accolta, l’Ente comunica al contribuente il rigetto e quindi all’Agente della riscossione di riprendere l’attività di recupero.

E’ importante rappresentare che, qualora il contribuente, presentata regolarmente l’istanza come prevista dalle legge, non riceva riscontro entro 220 giorni dalla presentazione della stessa, il credito di cui è stata chiesta la sospensione, viene annullato di diritto. Dunque, le partite indicate nell’istanza sono ritenute in automatico discaricate dei relativi ruoli.

Facciamo un esempio.

Tizio riceve una cartella di pagamento per IMU non pagata, di fatto però già saldata dal contribuente tant’è che lo stesso è anche in possesso della relativa ricevuta di pagamento.  E’ del tutto evidente che, in tal caso,  la richiesta del Comune (ente creditore) è errata e, di conseguenza, lo è anche la cartella.

A questo punto Tizio può presentare ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale competente oppure presentare istanza di sgravio al Comune. Tuttavia, Agenzia delle Entrate-Riscossione è tenuta per legge ad andare avanti con le procedure di riscossione ad esempio attraverso il pignoramento dello stipendio di Tizio, finché l’ente creditore non le trasmette il provvedimento di annullamento del debito.

Se invece Tizio si rivolge direttamente all’Agenzia della Riscossione presentando l’istanza di sospensione legale sopra esposta, le procedure di riscossione sono immediatamente sospese in attesa che il Comune corregga l’errore.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.mioppongo.it/recupero-crediti/come-sospendere-una-cartella-esattoriale/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.