........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Impugnazione cartella esattoriale: termini #adessonews

Entro quanto tempo fare ricorso contro una cartella di pagamento: termini e competenza. 

Per impugnare una cartella esattoriale bisogna rispettare i termini di decadenza previsti dalla legge: occorre quindi agire per tempo perché, una volta scaduti tali termini, la richiesta di pagamento da parte del Fisco diventa definitiva e quindi non più contestabile, anche in presenza di un vizio palese e conclamato. C’è un solo modo – come vedremo in seguito – in cui, anche dopo il decorso dei termini, è possibile fare ricorso: ciò succede quando la notifica non è avvenuta correttamente e il contribuente non ha potuto ricevere – non per propria colpa – l’atto in questione. 

I termini di impugnazione della cartella esattoriale variano a seconda del contenuto della cartella stessa, ossia della pretesa avanzata dall’amministrazione finanziaria. Ragion per cui bisognerà leggere attentamente la pagina ove vengono indicati i tributi e/o le sanzioni riscosse. 

Non solo: la natura dell’obbligazione tributaria determina una differente disciplina anche con riferimento alla cosiddetta competenza (ossia il tribunale a cui rivolgersi e chiedere l’annullamento dell’atto). 

Ma procediamo con ordine e vediamo quali sono i termini di impugnazione della cartella esattoriale.

Impugnazione cartella esattoriale: termini

Come anticipato, a seconda del contenuto della cartella (ossia di quanto in essa richiesto), i termini di impugnazione variano nel seguente modo:

  • tasse e imposte: 60 giorni;
  • contributi previdenziali Inps: 40 giorni;
  • contributi assistenziali Inail: 40 giorni;
  • multe stradali: 30 giorni. 

Come calcolare i termini di impugnazione della cartella esattoriale

Il termine di decadenza per impugnare la cartella inizia a decorrere dal giorno successivo a quando l’atto è stato consegnato al contribuente. Se l’ultimo giorno cade di domenica, la scadenza è posticipata al giorno successivo. Lo stesso vale per i giorni che sono festa nazionale (Natale, Pasqua, Capodanno, Ferragosto, ecc.).

Nel caso di irreperibilità per momentanea assenza del destinatario al momento dell’arrivo del postino (è la cosiddetta «irreperibilità relativa»), il termine decorre da quando il destinatario ritira l’atto presso l’ufficio postale o la casa comunale. Per evitare però che il contribuente posticipi tale adempimento per fruire di più tempo, si è stabilito che la notifica si considera comunque perfezionata non oltre dieci giorni dall’invio della raccomandata informativa (quella con cui si avvisa il destinatario dell’atto del tentativo di notifica). 

Competenza per impugnazione delle cartelle esattoriali

Come anticipato, il contenuto della cartella determina una diversa competenza, ossia un diverso giudice a cui presentare l’impugnazione. In particolare:

  • imposte e tasse: Commissione Tributaria; 
  • sanzioni riferite a imposte e tasse: Commissione Tributaria;
  • altre sanzioni amministrative: Giudice di Pace;
  • multe stradali: Giudice di Pace;
  • contributi dovuti all’Inps o all’Inail: Tribunale ordinario, sezione lavoro e previdenza;
  • canone acqua: Giudice di Pace;

Termine per impugnazione cartella se non c’è stata notifica

Può capitare che la cartella esattoriale sia il primo atto che riceva il contribuente perché quelli precedenti sono stati notificati in modo errato o all’indirizzo sbagliato (si pensi a un avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate o a una multa stradale mai consegnati). In tali ipotesi, il contribuente viene di solito a sapere della pretesa esattoriale nei propri riguardi attraverso la notifica della cartella. Egli dovrà quindi impugnare la cartella per difetto di notifica del cosiddetto “atto prodromico” o anche “atto presupposto”, quello cioè che sta a monte del procedimento amministrativo. I termini per il ricorso sono gli stessi che abbiamo menzionato sopra.

Diverso è il discorso in cui, pur notificato correttamente l’atto prodromico (l’avviso di accertamento, la multa, ecc.), la cartella non venga notificata correttamente. Il contribuente verrà a conoscenza del debito o attraverso una lettura dell’estratto di ruolo (che può essere richiesto, in ogni momento, presso l’ufficio dell’Esattore) oppure attraverso il successivo atto nei suoi confronti (ad esempio: una intimazione di pagamento, un preavviso di fermo o di ipoteca, un pignoramento). In tali casi, la legge stabilisce che l’estratto di ruolo non possa essere impugnato se non per le seguenti ragioni:

  • pregiudizio per la partecipazione a procedura di appalto,
  • blocco di pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione;
  • perdita di un beneficio nei rapporti con una Pubblica Amministrazione.

Ragion per cui, difettando uno di tali presupposti, l’unico modo per difendersi in caso di difetto di notifica della cartella è attendere il successivo atto di riscossione e impugnare quest’ultimo. 

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.laleggepertutti.it/594063_impugnazione-cartella-esattoriale-termini”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.