........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

ESTINZIONE ANTICIPATA FINANZIAMENTO: rimborsabili i soli costi c.d. recurring #adessonews


ISSN 2385-1376

La sentenza della Corte di Giustizia Europea dell’11 settembre 2019, che ha affermato che in caso di estinzione anticipata dei finanziamenti per iniziativa del cliente, a costui spetterebbe il rimborso di una quota del costo totale del credito, in misura proporzionale rispetto alla durata del credito non goduto, senza distinzione tra costi up front e recurring, non ha efficacia vincolante e diretta sull’ordinamento nazionale. Ciò anche in accordo con le pronunce della giurisprudenza di merito che hanno ribadito come l’art. 16, comma 1 della Direttiva Europea 2008/48 citata “non può avere efficacia diretta nei rapporti tra privati, “c. d. efficacia orizzontale”, nel nostro ordinamento, essendo detta efficacia limitata, per le direttive comunitarie sufficientemente precise ed incondizionate, ai rapporti tra autorità dello Stato inadempiente e soggetti privati “c.d. efficacia verticale” (Cass. civ. sez. lav. 14.09.09 n. 19771)

Questo il principio di diritto ribadito dal Giudice di Pace di Dolo, Giudice Maria Ignazia Masala, con la sentenza n. 33 del 6 aprile 2022.

Nel caso in esame accadeva che, in data 25.02.2015, un cliente stipulava un contratto di finanziamento con un istituto di credito; tale contratto prevedeva la restituzione delle somme attraverso il pagamento di 120 rate mensili e prevedeva anche costi relativi a: commissioni di attivazione, commissioni di gestione (incluse spese di assicurazione obbligatoria), spese di istruttoria e notifica imposte e commissioni di rete esterna.

Il contratto individuava, inoltre, i criteri e le modalità di restituzione delle componenti di costo in caso di estinzione anticipata, operando una distinzione tra costi rimborsabili e non rimborsabili.

Tra i primi erano annoverati gli interessi e le commissioni di gestione, tra i secondi le commissioni di attivazione, le spese di istruttoria e notifica e le commissioni rete esterna.

Nell’aprile del 2019 la cliente provvedeva ad estinguere anticipatamente il finanziamento e otteneva dall’istituto finanziatore l’importo di euro 1.613,50 a titolo di rimborso delle commissioni.

Ritenendo non satisfattorio il rimborso ottenuto agiva in giudizio chiedendo la restituzione della quota parte di ogni singolo costo del credito, dovuto per la restante durata del contratto.

Si costituiva l’istituto di credito che sosteneva di aver correttamente adempiuto agli oneri contrattuali e di non aver violato le norme di settore; infatti l’art. 125-sexies TUB – posto dall’attrice a fondamento della propria domanda – stabilisce che, nel caso di esercizio della facoltà di adempimento anticipato, viene riconosciuto il diritto ad ottenere una riduzione dei costi applicati al contratto di finanziamento e il rimborso quelle quote parti di costi e commissioni del prestito soggette a maturazione nel corso del tempo (c.d. costi recurring) e non ancora maturati.

Dall’analisi del contratto sottoscritto dalla cliente risultavano distintamente indicate tutte le voci di costo delle commissioni e la ripartizione degli stessi in ripetibili per la residua durata (oneri recurring) e irripetibili (oneri up front).

I costi richiesti dall’attrice non rientravano in quelli rimborsabili e pertanto non risultavano dovuti.

Inoltre, dalla lettura del contratto non si ravvisava alcuna clausola vessatoria atteso che non era esclusa tout court la restituzione delle commissioni e dei costi addebitati in conseguenza dell’estinzione anticipata, essendo chiaramente specificati i costi non rimborsabili, in quanto riferibili alle attività preliminari espletate.

Il Giudice rilevava, altresì, come non fosse rilevante il richiamo ai principi cc.dd. Lexitor dell’omonima pronuncia della Corte di Giustizia UE: l’art. 16, comma 1 della Direttiva Europea 2008/48 (oggetto di interpretazione) “non può avere efficacia diretta nei rapporti tra privati, “c. d. efficacia orizzontale”, nel nostro ordinamento, essendo detta efficacia limitata, per le direttive comunitarie sufficientemente precise ed incondizionate, ai rapporti tra autorità dello Stato inadempiente e soggetti privati “c.d. efficacia verticale” (Cass. civ. sez. lav. 14.09.09 n. 19771).

La pronuncia dei Giudici di Lussemburgo non ha, pertanto, alcuna efficacia vincolante e diretta sull’ordinamento nazionale.

Per tali ragioni, il Giudice di Pace, letti gli atti ed esaminati i documenti depositati dalle parti, preliminarmente rigettava la domanda dell’attrice e la condannava alle spese.

Per ulteriori approfondimenti in materia si rinvia ai seguenti contributi pubblicati in Rivista:

CASO LEXITOR – DECRETO SOSTEGNI BIS: rimborso “all inclusive” solo per i contratti conclusi dopo il 25 luglio 2021

La scelta del legislatore di lasciare in piedi la distinzione tra costi “up-front” e “recurring” non ammette diverse interpretazioni “adeguatrici”

Sentenza | Tribunale di Cremona, Giudice Luigi Enrico Calabrò | 28.04.2022 | n.228

https://www.expartecreditoris.it/provvedimenti/caso-lexitor-decreto-sostegni-bis-rimborso-all-inclusive-solo-per-i-contratti-conclusi-dopo-il-25-luglio-2021

“LEXITOR”: Il Legislatore chiude il “caso”

La legge di conversione del “Decreto Sostegni – bis” recepisce l’orientamento dei Giudici di Lussemburgo senza effetti retroattivi

Decreto Legge | 22.07.2021 |

https://www.expartecreditoris.it/provvedimenti/lexitor-il-legislatore-chiude-il-caso

LEXITOR: il nuovo art. 125 sexies TUB si applica solo ai contratti successivi alla conversione del Decreto-Sostegni bis

Per i contratti ante 25 luglio 2021 vige ancora la distinzione tra costi up front e recurring

Sentenza | Giudice di Pace di Catania, dott. Pancrazio Claudio Gullotta | 07.01.2022 | n.18

https://www.expartecreditoris.it/provvedimenti/lexitor-il-nuovo-art-125-sexies-tub-si-applica-solo-ai-contratti-successivi-alla-conversione-del-decreto-sostegni-bis

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Ex Parte Creditoris.
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Ex Parte Creditoris – www.expartecreditoris.it – ISSN: 2385-1376, anno span.count’).text(resp.result.metadata.globalCounts.count); }); }); }); ]]>Collabora con Noi Numero Protocolo Interno :

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.expartecreditoris.it/provvedimenti/estinzione-anticipata-finanziamento-rimborsabili-i-soli-costi-c-d-recurring”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.